Tutorial: Decoupage su piatto in vetro con vetrificazione PDF Stampa E-mail

In questo tutorial vi farò vedere come decorare un piatto in vetro.

Questo è il risultato finale:


Video-tutorial:

Occorrente:

- piatto in vetro di forma quadrata

- alchool etilico

- dischetti di ovatta

- panno assorbente

- forbici

- carta di riso con limoni

- colla velo

- piatti di carta

- colore acrilico Bianco latte

- pennello a punta obliqua

- pennello a setole piatte

- pennello poco costoso

- bicchierino piccolo da caffè

- brillantini bianchi

- brillantini gialli

- brillantini verdi

- vetrificante (componente A e componente B)

- palettina di legno

- fissante protettivo spray lucido

- colla per doratura

- foiling verde

Si inizia:

Occorre prima di tutto pulire il piatto.

Per far questo ho imbevuto dei dischetti di ovatta con l'alchool etilico. Quindi ho pulito l'oggetto sia sul davanti che sul retro.

Con un panno assorbente asciutto e pulito ho asciugato molto bene entrambe le superfici.

La decorazione di un piatto di vetro o di qualsiasi altro oggetto in vetro si fa sempre "sotto vetro", cioè sul retro.

Ho deciso di usare una carta di riso con limoni.

Con un paio di forbici a punta arrotondata ho ritagliato le figure che poi andrò ad incollare sul piatto.

Tagliate bene le figure ho deciso dove posizionarle.

Quindi le ho girate e le ho incollate sul piatto utilizzando la colla velo.

La colla l'ho agitata un pò, l'ho versata in un piattino di carta e poi l'ho stesa sul retro delle decorazioni con un pennello a setole piatte.

Per esaltare il colore della carta di riso, ho steso sul retro delle figure un colore acrilico Bianco latte.

Il colore l'ho agitato, l'ho versato in un piattino di carta e poi l'ho steso con un pennello a punta obliqua, facendo molta attenzione a non uscire dalle figure.

In un piccolo bicchierino da caffe ho versato la stessa quantità di brillantini di colori diversi.

I primi brillantini sono di colore bianco, i secondi sono di colore giallo mentre i terzi sono di colore verde.

Ho miscelato tutti i colori: semplicemente ho agitato il bicchierino facendo attenzione a non far uscire fuori il contenuto.

Ho applicato questi brillantini utilizzando la pasta gel lucida che ho steso sul piatto usando un tamponcino abbastanza grande.

Se la quantità di pasta che si è preso è troppa, si può scaricare il tamponcino su un piatto di carta oppure su un panno assorbente asciutto e pulito.

Senza aspettare che la pasta si sia asciugata, ho subito versato i brillantini contenuti nel bicchiere.

Non li ho versati direttamente dal bicchiere, ma prima li ho versati su una mano e poi li ho sparsi in maniera del tutto casuale sulla superficie. Ho cercato di spargere i brillantini in maniera uniforme, stando attenta a non lasciare zone senza brillantini.

Stesi per bene tutti i brillantini, per fissare il tutto ho spruzzato su tutta la superficie un pò di fissante protettivo spray lucido.

Per realizzare la vetrificazione sul retro del piatto ho scelto di usare il vetrificante bicomponente: è composto quindi da due componenti, il componente A e il componente B.

Quando si sceglie di usare questo tipo di vetrificante bisogna stare attenti alle proporzioni quindi alle quantità dei singoli componenti.

Sbagliare le dosi vuol dire sbagliare la vetrificazione, quindi ottenendone una cattiva e non adeguata.

La proporzione in questo caso è la seguente: tre parti di componente A ed una parte di componente B (3:1).

Allora ho versato prima il componente A in un bicchierino graduato fino a raggiungere il numero 15 (vedi foto).

Nello stesso bicchierino graduato ho versato il componente B fino a raggiungere il numero 20 (vedi foto).

Ho miscelato la soluzione con una palettina piatta di legno. In questo modo le bolle d'aria presenti nella composizione possono salire in superficie.

La soluzione va miscelata molto lentamente per circa cinque minuti.

Ho lasciato riposare la soluzione per circa 30 minuti. Così facendo l'ho resa più densa.

Sotto il piatto ho messo dei fogli di carta bianca per evitare di sporcare la tovaglia.

Ho versato il contenuto del bicchierino graduato sul retro del piatto.

Ho steso la soluzione con un pennello poco costoso, "da battaglia". Non ho usato un pennello normale e costoso perchè il vetrificante l'avrebbe rovinato parecchio.

Se l'oggetto è grande e la soluzione creata non è sufficiente per coprirlo tutto, allora potete ripetere il procedimento, rispettando sempre le dosi e i tempi di attesa detti prima.

Una volta che tutta la superficie è ricoperta di vetrificante, ho lasciato asciugare il piatto dalle 12 ore alle 24 ore.

Passato questo tempo, per rifinire l'oggetto, ho steso solo sui bordi un pò di colla per doratura: la colla l'ho agitata un pò, l'ho versata in un piattino di carta e poi l'ho stesa con un pennello a setole piatte.

Ho aspettato che la colla diventasse trasparente e appicosa; quindi ho deciso di usare un foling verde.

Per usarlo l'ho applicato sopra la colla con la parte colorata di verde rivolta verso l'altro.

Ho fatto aderire per bene l'altra parte alla colla.

Dopo di che delicatamente ho tolto il foiling.

Ho fatto la stessa procedura per tutti i lati del piatto.

Quindi il lavoro è finito.

 

Seguimi anche su

  • Facebook: SephilaCreations
  • Twitter: SephilaCreats
  • YouTube: Sephila87

Statistiche

Utenti : 2904
Contenuti : 180
Tot. visite contenuti : 2230409

Esegui il login